Home » Mail con richiesta pagamento in bitcoin: cosa fare?

Mail con richiesta pagamento in bitcoin: cosa fare?

  • di

Avete ricevuto una mail con richiesta di bitcoin?

Fate attenzione, perchè purtroppo si tratta di tentativi di truffe di hacker e malintenzionati.

In questo articolo vi andrò a parlare di un evento che mi è successo recentemente, in modo che potete vedere e analizzare le dinamiche che queste persone utilizzano per fare le loro truffe.

Quindi, cos’è successo esattamente?

Recentemente ho ricevuto un’email che richiedeva un pagamento in Bitcoin, che però ho rifiutato, essendo al corrente di questi tentativi di frode.

Il bello è che pochi giorni dopo mi hanno mandato un’altra email, con un nuovo oggetto: “Richiesta di pagamento”.

Quindi, come vedete, non se la sono data per vinta!

Il contenuto era il medesimo, ovvero una richiesta di pagamento in bitcoin.

Questi tipi di comunicazioni dovrebbero essere ignorati perché sono tentativi di frode.

Si tratta di e-mail con contenuti che potrebbero sembrare comuni e che superano il filtro antispam, arrivando così nella casella di posta.

Quindi, occorre fare molta attenzione, anche perchè quasi nessuno al giorno d’oggi richiede pagamenti in Bitcoin.

Si tratta infatti di pagamenti che difficilmente sono tracciabili, e quindi nel momento in cui vengono effettuati si corre il rischio che non verranno mai più restituiti.

E’ per questo che gli hacker cercano di ricevere pagamenti in criptomonete, in modo da poter essere invisibili in un secondo momento.

Ma è vero che hanno avuto accesso al mio computer?

In questo caso, la risposta è no. È molto improbabile che qualcuno ottenga l’accesso al tuo computer. Tuttavia, se usi password sufficientemente lunghe e hai un programma antivirus aggiornato, puoi essere sicuro che non ti succederà mai nulla di male.

Cerchiamo di capire esattamente cosa succede quando questi malintenzionati fanno queste richieste.

È possibile inviare una richiesta di pagamento in bitcoin via email?

L’oggetto dell’email dice: “Hai notato che recentemente ti ho inviato un’email dal tuo account?”

L’email non è stata, infatti, inviata dal tuo account come tu credi. Per dirla in un altro modo, nessuno ha controllato la tua casella di posta per vedere se l’e-mail era arrivata!

Chiunque abbia accesso a internet può inviare un’email da un indirizzo falso. Vuoi correre il rischio? Puoi trovare centinaia di servizi che inviano email da mittenti fittizi, o persone che non esistono, se cerchi su Google “Fake Mail”.

L’email mi è stata consegnata da un server russo. Come potete vedere dalle intestazioni, questo è un argomento abbastanza tecnico sul quale non mi dilungherò. In questo caso, qualcuno (un hacker) ha rubato l’indirizzo email pubblico della mia azienda e l’ha usato per inviare una email con il mio indirizzo come mittente. Come risultato, il mittente e il destinatario sono identici!

È possibile che il server di posta riconosca un indirizzo falso?

Il server di posta, che è il software che distribuisce l’email, è spesso incapace di rilevare le email false.

Dato che Gmail ha il miglior servizio anti-spam al mondo, è in grado di rilevare e processare subito lo spam. Può anche controllare il messaggio in uscita per vedere se è stato inviato in precedenza, fornendo una conferma immediata. Ma dato che il mio server di posta aziendale non fornisce lo stesso livello di stabilità di Gmail, queste email potrebbero non apparire professionali come dovrebbero.

Mi raccomando, fate attenzione e spargete la voce, in modo che questi farabutti no la facciano franca.

AUTORE

MARIO CANOVELLI

Sono un appassionato di criptovalute e di trading online da molti anni, e contribuisco in questo portale per portare le ultime news o aggiornamenti sul mondo delle crypto. Vivo a Roma con la mia famiglia da sempre e mi piace utilizzare il web come strumento di condivisione di informazioni e idee, per lo più in questo settore specifico.

Torna alla homepage di Crypto-Oggi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.